Nel 2011, TAG Heuer ha collaborato con la McLaren, che aveva deciso di produrre auto di serie piuttosto che per brevi tirature di auto estreme pronte per la strada. Profondamente legato all’universo delle automobili e dei circuiti, TAG Heuer aveva già l’abitudine di interiorizzare i design stranieri, l’esempio più eclatante è la loro serie Gulf. Ma la replica Carrera MP4-12C era qualcosa di diverso. Era un orologio da copia creato per un prestigio e una fascia di prezzo più alti, con un design molto interessante che non era mai stato fatto allora: indossabile, colorato, divertente e molto ben eseguito.

Questo non è stato il primo orologio replica nato da una partnership con una casa automobilistica. Non era né il primo cronografo da corsa, né il più stravagante. Tieni presente che nel 2011 il mercato era affollato di pezzi molto più pazzi, grandi, costosi e sgargianti che erano anche molto più difficili da indossare. In un certo senso, questo pezzo è stato un presagio di cose accadute negli ultimi due anni nel segmento dell’orologeria x il marchio automobilistico.

Nel 2011, la McLaren ha rilasciato la prima di una lunga serie di auto di serie, la MP4-12C. Da allora la politica di denominazione del marchio è cambiata, anche i loro obiettivi di partnership (nel 2016 hanno iniziato a lavorare con Richard Mille), ma alcune cose sono immutabili in Woking: linee fluide, colori vividi, motori ad alto rendimento, esclusività superiore e una clientela che richiede assoluta sportività. All’epoca, anche TAG Heuer era su una pista diversa da quella di oggi. Erano diretti verso l’alto mercato con orologi che continuavano a crescere in termini di sofisticatezza, derivanti dalla ricerca fondamentale sull’alta frequenza, sull’elevata precisione dei tempi e su uno stato d’animo liberato dall’euforia del mercato.

Tag Heuer Carrera MP4 -2C Replica
Carrera MP4-12C © TAG Heuer Replica

All’incrocio di queste due strategie, è emersa la replica Carrera MP4-12C. La cassa da 43 mm è in titanio sabbiato e molto leggera. Finora, niente fuori dall’ordinario. Il quadrante è realizzato in vera fibra di carbonio, e questo era qualcosa di diverso allora. La vera fibra, piuttosto che i modelli di carbonio stampati o dipinti, erano rari, costosi e per il resto si trovavano solo in orologi replica molto costosi. Il suo taglio a bulbo scavato al centro era riempito di vetro zaffiro fumé ed era aperto sul lato superiore del movimento, il che era insolito e insolitamente non noioso poiché il movimento ha qualcosa da mostrare da solo su quel lato. Gli indici erano ancora più interessanti: questi grandi numeri arabi tecnici applicati sulla piastra in fibra di carbonio partivano da zero anziché da 12, un cenno al contagiri della McLaren.

Il rivestimento superiore del cinturino era in Alcantara, un tessuto sintetico di fascia alta che era presente sui sedili avvolgenti dell’auto. Dovevano quindi essere in grado di sopportare le costrizioni di sedersi su un polso. Avevano questa piastra perforata in cima, trattenuta da una cucitura arancione. Quel colore si ritrovava anche sulla fodera in pelle, che non può essere invecchiata bene nel tempo.

Quindi la copia Carrera MP4-12C aveva questa colorazione polarizzante. Mi capita di amare l’arancione (il marchio lo chiamava papaya orange) perché è vivace e trasmette una forma controllata di scrappiness, soprattutto se abbinato ai grigi. Ad ogni modo, era il colore che la McLaren aveva scelto per la show car, quindi questa era una cosa di marca.

Poi c’era il movimento. Ah, che movimento! Era facile trascurare tutto ciò che era interessante al riguardo. In primo luogo, è venuto da Dubois Depraz. In secondo luogo, era un cronografo flyback, una complicazione che è tanto al suo posto in un’auto quanto in un aereo, il suo ambiente originale. Aveva questa grande data a doppio disco, che era un’altra rarità. E per di più aveva, cito «un calendario semiperpetuo che richiede un solo aggiustamento all’anno, a febbraio», che è un calendario annuale con qualsiasi altro nome. Quindi questa era una serie di complicazioni molto insolita, fatta per giustificare un inspiegabile sovrapprezzo per una Carrera: 14 900 $ dal 2011. Era tre volte il prezzo di una normale Carrera.

TAG Heuer aveva cercato di attutire il colpo vendendo la Carrera MP4-12C esclusivamente negli showroom McLaren e limitandola a 1000 unità. Se la prima idea era accettabile, la seconda non tanto. A quel prezzo, dovevi davvero essere follemente innamorato della McLaren. Tanto che ci si può ragionevolmente chiedere se tutti i mille orologi replica siano stati effettivamente venduti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.